Lunedì, 25 Gennaio 2016 15:56

MIni corso di CUCINA per bambini In evidenza

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Corso di cucina destinato ai bambini dai 6 agli 11 anni!!!

Ultima modifica il Lunedì, 25 Gennaio 2016 15:59
Lunedì, 18 Gennaio 2016 07:29

Robiola di Rocaverano

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Robiola di Roccaverano è un formaggio dalle origini molto antiche rigorosamente DOP caprino, prodotto esclusivamente sulle colline della Langa Astigiana, ottimo sia fresco che stagionato. E' possibile assaggiarla al naturale nel nostro ricco antipasto misto, abbinato alla famosa Cugnà Piemontese o al miele. Utilizziamo questo prezioso prodotto anche come ingrediente per piatti salati e nel nostro famoso dessert.

Ultima modifica il Lunedì, 18 Gennaio 2016 07:37
Giovedì, 14 Gennaio 2016 16:27

Pere al moscato

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Parlando di frutta della stagione invernale ecco una ricetta veloce e di facile realizzazione, ancora più gustosa se accompagnata da una crema al cioccolato o panna. Ideale come dolce non troppo calorico o anche come merenda sfiziosa!

Ultima modifica il Giovedì, 14 Gennaio 2016 16:33
Giovedì, 14 Gennaio 2016 15:32

Ravioli al plin

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

I ravioli (o agnolotti) al plin sono una specialità di pasta ripiena tipica del Basso Piemonte, di piccole dimensioni, dalla forma perlopiù rettangolare e caratteristici per il “plin”, termine che indica il pizzicotto che viene dato per chiudere il singolo raviolo. Ve li proponiamo conditi dal semplice burro e salvia, al ragù, o con una spolverata di tartufo, abbinati ad un bicchiere del nostro Barbera DOCG. Ma se siete curiosi di conoscere i segreti di questa antica ricetta possiamo organizzare un workshop durante il quale imparerete a preparare sia la pasta sia il ripieno utilizzato, proprio come faceva mia nonna!

Ultima modifica il Giovedì, 14 Gennaio 2016 15:36
Giovedì, 14 Gennaio 2016 15:09

La Cugnà o mostarda d'uva

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Cugnà è una salsa che deriva da un'antica ricetta piemontese tipica delle Langhe e Roero. Prepariamo questa saporita salsa utilizzando il mosto d'uva, con pere, mele e nocciole, la cuociamo per diverse ore e ve la proponiamo in abbinamento alla Robiola di Roccaverano.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Gennaio 2016 15:26
Giovedì, 14 Gennaio 2016 14:59

La nocciola "Tonda gentile del Piemonte"

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Nocciola “tonda gentile del Piemonte” è una varietà IGP del Basso Piemonte, caratteristica per la sua forma rotonda, dal sapore delicato e dal profumo intenso e persistente. E' considerata, anche in ambito mondiale, una delle migliori qualità . Abbiamo scelto di utilizzarla a crudo come condimento di verdure e carni o in abbinamento al formaggio. Potete inoltre assaporarla nella tipica torta di Nocciole piemontese alla quale non aggiungiamo farina, proprio per esaltare al massimo il sapore della nocciola: la torta del nostro agriturismo oltre a essere un prodotto delizioso è anche priva di glutine.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Gennaio 2016 15:13
Domenica, 03 Gennaio 2016 18:58

Broccoli

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

L'Azienda Agricola

I broccoli sono ricchi di vitamina C, minerali, quali potassio, calcio, ferro e fosforo, e fibre. Sono ottimi e leggeri se cotti al vapore e gratinati leggermente al forno: la cottura al vapore permette di preservare al meglio le caratteristiche del broccolo, limitare il consumo di acqua e di energia. Cuocerli leggermente croccanti e raffreddarli subito permetterà di mantenere un bel colore verde sicuramente appetitoso. Possono essere gustati da soli, abbinati ad altre verdure (quali ad esempio cavolfiore), a formaggi (gratinati al forno con il solo parmigiano o coperti dalla besciamella), carne o salsiccia per un piatto unico davvero saporito, o ancora come ingrediente di un flan.

Ultima modifica il Domenica, 03 Gennaio 2016 20:20
Domenica, 03 Gennaio 2016 17:52

Stagionalità, quali ortaggi scegliere a gennaio.

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Si sente parlare molto spesso di stagionalità, ma nei supermercati troviamo ormai certi ortaggi tutto l'anno, provenienti da diverse parti del mondo... per cui ci viene naturale alimentarci dei prodotti che incontrano il nostro gusto tralasciando l'apporto nutritivo che i prodotti locali e di stagione ci offrono.
Ma perché cercare i prodotti di stagione?
Al mutare della temperatura e della stagione il nostro organismo si adatta di conseguenza, mutando le esigenze richiede un apporto nutrizionale che varia con il ciclo della natura. Quindi perché mangiare prodotti tardivi e forzati?
Innanzitutto un ortaggio cresciuto nella giusta stagione vegetativa, senza forzature, ha un sapore migliore, giunge alla giusta maturazione e necessita di minori prodotti chimici (se non è biologico). Se una pianta viene forzata nel suo ciclo produttivo, produrrà lo stesso il suo frutto ma sarà più debole e quindi più povera dei suoi nutrienti caratteristici; inoltre il costo per produrre un ortaggio fuori stagione è elevato e si ripercuote sul consumatore finale. Se l'ortaggio in questione proviene da un paese lontano deve essere raccolto prima della maturazione, sopportare un lungo viaggio, sbalzi di temperatura notevoli, essere sottoposto a trattamenti chimici per preservarne la qualità e l'aspetto...a discapito delle vitamine e dei minerali che vanno deteriorandosi.
Allora quali ortaggi mangiare a gennaio? Quelli che naturalmente possono crescere nella nostra zona e resistere alle temperature basse e alla neve...

Broccoli, cardi, cavolfiori, cavoli, bietole, finocchi, porri, sedani, sedani rapa, spinaci, zucche, carciofi, patate (vanno sempre conservate in luogo fresco e buio, la presenza di molti germogli indica che il tubero è ricco di solanina, tossica per il nostro organismo, e quindi è bene evitarne il consumo), carote e radicchio.

Il consiglio è di consumare maggiormente ortaggi crudi (quando possibile) perché la cottura deteriora e/o disperde alcune vitamine, oppure preferire la cottura al vapore e al forno. Scegliere condimenti leggeri, crudi, come l'olio extra vergine di oliva meglio ancora se a bassa acidità; in questo modo si potrà trarre dall'alimento il maggior vantaggio, godere dei sapori, profumi e colori che quello che abbiamo nel piatto ci può offrire e rieducare nuovamente il nostro palato ai sapori semplici di ogni alimento.

Lunedì, 07 Dicembre 2015 15:49

Capunet Piemontese

Scritto da
Vota questo articolo
(5 Voti)
Ultima modifica il Sabato, 12 Dicembre 2015 09:15
Martedì, 14 Gennaio 2014 07:45

I Vini

Scritto da
Vota questo articolo
(5 Voti)

Considerata l'esposizione dei vigneti l'azienda trova il suo punto di forza principalmente in questi due vini:

Ultima modifica il Sabato, 12 Dicembre 2015 09:18